Storia

È certo che gli uomini primitivi abitarono la zona di Bigorre, come lo dimostrano le asce di selce, le pietre scolpite ei resti ossei rinvenuti nelle grotte delle “Espélugues”(attualmente Via Crucis dei Santuari Notre-Dame di Lourdes).

I Galli, i Romani, i Barbari e i Mori in seguito fortificarono la rocca di Lourdes in cui si trova il Castello-Fortezza.

A partire dal IX secolo, la città fu possesso degli inglesi e poi dei francesi. Durante le guerre di religione nel XVI secolo, fu saccheggiata dalle truppe ugonotte.

Nel XVII secolo, l’annessione della Bigorre alla Francia (1607) insieme ai progressi nell’uso delle armi fecero diminuire l’importanza della cittadella, che mantiene una piccola guarnigione e diviene prigione di Stato (castello).

Dopo aver attraversato senza troppi danni la Rivoluzione Francese (1789), Lourdes divenne nel XIX secolo una piacevole cittadina. Attorno al 1850 il castello era occupato da una guarnigione di fanteria. La città a quel tempo era solo una tappa per gli appassionati di cure termali attratti dalle acque di Barèges, Cauterets, Luz-Saint-Sauveur e Bagnères-de-Bigorre, e per i primi escursionisti dei Pirenei in cammino verso Gavarnie. Lourdes non era altro che un piccolo capoluogo di cantone di 4135 abitanti.
Tra questi, il mulino di Boly ospiterà per 10 anni François e Louise Soubirous e i loro quattro figli, la maggiore dei quali si chiama Marie Bernarde detta Bernadette (nata il 7 gennaio 1844).

Nel 1854, la famiglia Soubirous naviga nella miseria : incidente di lavoro durante il quale François perde un occhio, accusa di furto e arresto, fallimento del mulino; infine, il colera uccide 38 persone a Lourdes. Bernadette, colpita da colera e tubercolosi, avrà per tutta la vita una salute assai cagionevole.

Obbligata a lasciare il mulino, nel 1857 la famiglia si rifugerà in un’antica prigione di 16 m² chiamata le Cachot .
A 14 anni, senza saper leggere né scrivere, e senza neanche aver fatto la prima Comunione, Bernadette, provata da tutti questi eventi, vivrà un’esperienza straordinaria.

L’11 febbraio 1858 Bernadette, sua sorella Toinette e un’amica, Jeanne Abadie, si recarono a cercare della legna in una grotta chiamata Massabielle, situata lungo il fiume Gave. Mentre Toinette e Jeanne raccoglievano la legna, Bernadette udì un rumore simile ad una folata di vento. Alzando la testa vide, nella crepa della roccia, una ragazza avvolta di luce che la guardava e le sorrideva.
Fu la prima apparizione, a cui ne seguiranno altre 17.

Dopo circa 150 anni, Lourdes accoglie ogni anno oltre 6 milioni di pellegrini e visitatori.

Per maggiori informazioni

Ufficio del Turismo
Place Peyramale
65100 LOURDES
Tel. 00.33.(0)5.62.42.77.40
E-mail :  Invia un messagio